Aggiornamento sulla Scuola di Gomme: buone notizie da Khan al Ahmar

Dopo la serie di demolizioni che ha colpito i beduini Jahalin ad Anata e la chiusura dell’unico accesso del villaggio alla strada principale, arrivano buone notizie per la Scuola di Gomme e gli abitanti di Khan al Ahmar.

La settimana scorsa l’Amministrazione civile israeliana ha comunicato ai rappresentanti del villaggio che né la scuola né le abitazioni verranno demolite senza che prima venga offerta alla comunità una collocazione alternativa. Il piano delle autorità Israeliane per i beduini che vivono in AREA C prevedeva il trasferimento forzato in una zona degradata, confinante con una discarica ad Abu Dis (Gerusalemme Est).  Anche se la notizia apre nuove possibilità per il futuro della scuola e dei circa 100 allievi che la frequentano, la demolizione dell’edificio non è del tutto scongiurata.

Per questo, sabato 4 febbraio Vento di Terra ONG ha organizzato una cerimonia ufficiale a Khan Al Ahmar in difesa della Scuola di Gomme e del diritto all’istruzione dei piccoli Jahalin. L’evento è stato ripreso in un servizio del TG1 domenica 5 febbraio.

4/5/2011 - L' onorevole Massimo D'Alema in visita alla Scuola di Wadi Abu hindi (Foto: Archivio Vento di Terra ONG)

Il villaggio ha ricevuto una forte dimostrazione di solidarietà  internazionale grazie alla straordinaria partecipazione alla cerimonia.

Tra i presenti all’evento c’erano il vice ministro all’Istruzione palestinese Hisham Khael,  il Presidente del Fesp Massimo D’Alema il nuovo Console Generale d’Italia a Gerusalemme Giampaolo Cantini, il Console Britannico Sir. Vincent Fean, il rappresentante del Fondo Provinciale per la Cooperazione di Milano e assessore del Comune di Rozzano Stefano Apuzzo l’europarlamentare spagnolo Raimon Obiols, rappresentanti dell’Unione Europea, dell’UNRWA, dell’UNICEF, del consolato e francese e di diverse ONG internazionali.

Foto Archivio Vento di Terra ONG – l’ On. Massimo D’Alema alla Scuola di Gomme

I bambini di Khan al Ahmar e della scuola di Wadi Abu Hindi hanno incontrato l’onorevole D’Alema  che ha colto l’occasione per ringraziare i  cooperanti e volontari per il contributo importante che danno con il loro impegno nei territori di frontiera.

“Iniziative come quella della Scuola di Gomme creano un tessuto sociale coeso e contribuiscono a diffondere quella cultura dei diritti umani e civili che costituisce la condizione fondamentale per la promozione umana e la crescita di un popolo”, ha detto D’Alema (Il discorso in inglese dell’onorevole – LINK).

Il presidente di Vento di Terra Massimo Annibale Rossi ha portato i saluti degli oltre 1.200 firmatari della petizione per salvare la Scuola di Gomme.  La campagna “Chi demolisce una scuola, demolisce il futuro” continua, grazie al vostro contributo ed al passaparola sul web. Continuate a seguire i nostri progetti sulla fanpage di Facebook e tramite Twitter.

Lo Staff di Vento di Terra ONG

ventoditerra@ventoditerra.org

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...